This page was last modified on 15 September 2015, at 14:24.

Italia:Introduzione

Da Eurydice.

Sintesi Italia

Contents

Italia:Panorama politico, sociale ed economico e tendenze

Italia:Sintesi storica

Italia:Principali organi esecutivi e legislativi

Italia:Popolazione: situazione demografica, lingue, religioni

Italia:Situazione politica ed economica

Italia:Organizzazione e gestione

Italia:Principi fondamentali e politiche nazionali

Italia:Strategie per l'apprendimento permanente

Italia:Organizzazione e struttura del sistema educativo

Italia:Istruzione privata

Italia:Quadro di riferimento nazionale delle qualifiche

Italia:Amministrazione e gestione a livello centrale e/o regionale

Italia:Amministrazione e gestione a livello locale e/o di istituto

Italia:Dati statistici sull'organizzazione e la gestione

Italia:Finanziamento dell'istruzione

Italia:Finanziamento dell'educazione dell'infanzia e dell'istruzione scolastica

Italia:Finanziamento dell'istruzione superiore

Italia:Finanziamento dell'educazione e formazione degli adulti

Italia:Educazione e cura della prima infanzia

Italia:Organizzazione dei programmi per bambini di età inferiore a 2-3 anni

Italia:Insegnamento e apprendimento nei programmi per bambini di età inferiore a 2-3 anni

Italia:Valutazione nei programmi per bambini di età inferiore a 2-3- anni

Italia:Organizzazione dei programmi per bambini di età superiore a 2-3 anni

Italia:Insegnamento e apprendimento nei programmi per bambini di età superiore a 2-3 anni

Italia:Valutazione nei programmi per bambini di età superiore a 2-3- anni

Italia:Varianti organizzative e strutture alternative nell'educazione dell'infanzia

Italia:Istruzione primaria

Italia:Organizzazione dell'istruzione primaria

Italia:Insegnamento e apprendimento nell'istruzione primaria

Italia:Valutazione nell'istruzione primaria

Italia:Varianti organizzative e strutture alternative nell'istruzione primaria

Italia:Istruzione secondaria e post-secondaria non terziaria

Italia:Organizzazione dell'istruzione secondaria inferiore generale

Italia:Insegnamento e apprendimento nell'istruzione secondaria inferiore generale

Italia:Valutazione nell'istruzione secondaria inferiore generale

Italia:Organizzazione dell'istruzione secondaria superiore generale

Italia:Insegnamento e apprendimento nell'istruzione secondaria superiore generale

Italia:Valutazione nell'istruzione secondaria superiore generale

Italia:Organizzazione dell'istruzione secondaria superiore professionale

Italia:Insegnamento e apprendimento nell'istruzione secondaria superiore professionale

Italia:Valutazione nell'istruzione secondaria superiore professionale

Italia:Organizzazione dell'istruzione post-secondaria non terziaria

Italia:Insegnamento e apprendimento nell'istruzione post-secondaria non terziaria

Italia:Valutazione nell'istruzione post-secondaria non terziaria

Italia:Istruzione superiore

Italia:Tipi di istituti di istruzione superiore

Italia:Programmi del primo ciclo

Italia:Programmi triennali

Italia:Istruzione superiore di ciclo breve

Italia:Programmi del secondo ciclo

Italia:Programmi che portano ad altri titoli di secondo e di terzo livello

Italia:Programmi del terzo ciclo (Dottorato)

Italia:Istruzione e formazione degli adulti

Italia:Suddivisione delle responsabilità

Italia:Sviluppi e priorità politiche attuali

Italia:Principali istituti che offrono istruzione e formazione degli adulti

Italia:Principali tipologie di offerta

Italia:Validazione dell’apprendimento non formale e informale

Italia:Insegnanti e altro personale dell'istruzione

Italia:Formazione iniziale degli insegnanti dell'educazione dell'infanzia e dell'istruzione scolastica

Italia:Condizioni di servizio degli insegnanti dell'educazione dell'infanzia e dell'istruzione scolastica

Italia:Sviluppo professionale continuo degli insegnanti dell'educazione dell'infanzia e dell'istruzione scolastica

Italia:Formazione iniziale del personale accademico nell'istruzione superiore

Italia:Condizioni di servizio del personale accademico

Italia:Sviluppo professionale continuo del personale accademico

Italia:Formazione iniziale degli insegnanti e dei formatori dell'educazione degli adulti

Italia:Condizioni di servizio degli insegnanti e dei formatori dell'educazione degli adulti

Italia:Sviluppo professionale continuo degli insegnanti e dei formatori dell'educazione degli adulti

Italia:Personale dirigente e altro personale dell'istruzione

Italia:Personale dirigente nell'educazione dell'infanzia e nell'istruzione scolastica

Italia:Personale responsabile del controllo della qualità nell'educazione dell'infanzia e nell'istruzione scolastica

Italia:Personale responsabile dell'orientamento nell'educazione dell'infanzia e nell'istruzione scolastica

Italia:Altro personale dell'educazione dell'infanzia e dell'istruzione scolastica

Italia:Personale dirigente per l'istruzione superiore

Italia:Altro personale dell'istruzione superiore

Italia:Personale dirigente nell'educazione degli adulti

Italia:Altro personale dell'educazione degli adulti

Italia:Assicurazione di qualità

Italia:Assicurazione di qualità nell'educazione della prima infanzia e nell'istruzione scolastica

Italia:Assicurazione di qualità nell'istruzione superiore

Italia:Assicurazione di qualità nell'educazione degli adulti

Italia:Sostegno educativo e orientamento

Italia:Offerta per i bisogni educativi speciali all'interno dell'istruzione ordinaria

Italia:Offerta separata per i bisogni educativi speciali nell'educazione dell'infanzia e nell'istruzione scolastica

Italia:Misure di supporto agli alunni nell'educazione dell'infanzia e nell'istruzione scolastica

Italia:Orientamento e counseling nell'educazione dell'infanzia e nell'istruzione scolastica

Italia:Misure di supporto agli studenti nell'istruzione superiore

Italia:Orientamento e counseling nell'istruzione superiore

Italia:Misure di supporto ai discenti nell'educazione degli adulti

Italia:Orientamento e counseling in un approccio di lifelong learning

Italia:Mobilità e internazionalizzazione

Italia:Mobilità nell'educazione dell'infanzia e nell'istruzione scolastica

Italia:Mobilità nell'istruzione superiore

Italia:Mobilità nell'educazione degli adulti

Italia:Altre dimensioni di internazionalizzazione nell'educazione dell'infanzia e nell'istruzione scolastica

Italia:Altre dimensioni di internazionalizzazione nell'istruzione superiore

Italia:Altre dimensioni di internazionalizzazione nell'educazione degli adulti

Italia:Accordi bilaterali e cooperazione internazionale

Italia:Riforme in corso e sviluppi nelle politiche educative

Italia:Riforme nell’educazione e cura della prima infanzia

Italia:Riforme nell’istruzione scolastica

Italia:Riforme nell’istruzione e formazione professionale e nell’apprendimento degli adulti

Italia:Riforme nell’istruzione superiore

Italia:Riforme relative alle competenze trasversali e all’occupabilità

Italia:Prospettiva europea

Italia:Normativa

Italia:Glossario

Strategia generale sull’istruzione e obiettivi chiave

In seguito alla recente crisi economica, i governi che si sono alternati negli ultimi anni hanno concentrato i loro sforzi su misure e interventi che potessero al meglio ridurre gli effetti della crisi stessa. Nella cornice di questo quadro economico e politico, anche il settore dell’istruzione ha avuto un ruolo importante, come uno dei più importanti segmenti che costituiscono lo sviluppo culturale e professionale di ogni persona.

In questo contesto, la strategia generale nazionale sull’istruzione è parte di una strategia più ampia che ha, come suo obiettivi principali, l’uscita definitiva dalla crisi attraverso riforme strutturali che permettano di fa ripartire la crescita economica del paese.

In particolare, per il settore dell’istruzione, l’attenzione è stata rivolta alle misure mirate a ridurre la dispersione scolastica sia dalla scuola che dall’università.

Questo riguardano anche gli obiettivi chiave, in conformità con gli obiettivi stabiliti a livello europeo, che guidano la strategia nazionale sull’istruzione. Per raggiungere questi obiettivi, alla fine del 2013 il governo ha preso diverse misure economiche che sono dirette agli studenti, agli insegnanti e alle famiglie di tutti i livelli di istruzione e che sono, allo stesso tempo parte dello stesso quadro strategico.

A luglio 2015, il Parlamento ha approvato il disegno di legge sulla riforma della scuola chiamato 'La buona scuola', divenuto legge n. 107 del 13 luglio 2015. Il disegno di legge era stato approvato e pubblicato dal Consiglio dei Ministri a marzo 2015, dopo una consultazione pubblica lanciata a settembre 2014 sul documento ‘La buona scuola – Facciamo crescere il paese’ che spiegava in 12 punti la strategia del Governo e del Ministero dell'istruzione per migliorare la qualità del sistema educativo italiano.

La legge 107 dà piena realizzazione all'autonomia delle scuole al fne di incrementare la qualità del sistema di istruzione, di innalzare i livelli delle compentenze delle studentesse e degli studenti, contrastare le diseguaglianze e l'abbandono e la dispersione scolastica, garantire il diritto allo studio e le pari opportunità di formazione e istruzione ai cittadini. La legge copre vari aspetti del settore istruzione, dalle condizioni di servizio degli insegnanti, ai poteri del dirigente scolastico, all'alternanza scuola-lavoro. Per ulteriori dettagli sulle aree coperte dalla legge, vedi anche 'Riforme nell'istruzione scolastica'.

Panoramica sui processi di riforma educativa e principali attori

Nel 2014 e 2015 il Governo e il Parlamento hanno lavorato sulla riforma della scuola chiamata La buona scuola.

Il processo di riforma è iniziato a settembre 2014 quando il Governo ha pubblicato il documento ‘La buona scuola – Facciamo crescere il paese’ che definiva la strategia del Governo e del Ministro dell'istruzione per migliorare la qualità del sistema italiano di istruzione. Il documento è stato a disposizione del dibattito pubblico fino al 15 novembre 2014. Tutti i soggetti interessati hanno potuto partecipare al dibattito sul sito labuonascuola.gov.it.

In seguito a questa consultazione pubblica, il 12 marzo 2015 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il “Disegno di Legge sulla riforma della scuola recante riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizione legislative vigenti”, denominato più semplicemente Ddl “La Buona scuola”.

A luglio 2015, dopo l'approvazione parlamentare, il disegno di legge è divenuto legge n. 107. La legge sarà applicata in maniera graduale attraverso specifici decreti. Per ulteriori dettagli sulle aree coperte dalla legge, vedi anche 'Riforme nell'istruzione scolastica'.

Nel 2012 e nel 2013, il governo ha emanato diverse disposizioni destinate a tutti i livelli di istruzione, inclusa l’educazione degli adulti, finalizzate ad aumentare la qualità generale del sistema di istruzione. 

Nel settore scolastico, nel 2013 il governo ha adottato misure per ridurre la dispersione scolastica e il rischio di abbandono, in particolare nelle aree ad alto rischio di abbandono precoce. Le misure sono rivolte alle scuole, agli insegnanti e agli studenti. 

A livello di istruzione superiore, nel 2013 sono state approvate ulteriori disposizioni in applicazione della legge di riforma 240/2010, incentrate sull’accreditamento dei corsi universitari e di dottorato e sulle misure volte ad assicurare la partecipazione degli studenti meritevoli ma economicamente svantaggiati.

Infine, nel 2012 è iniziato il processo di riconoscimento delle competenze pregresse con la previsione di un sistema nazionale pubblico di certificazione, mentre nel 2013 è stato adottato il primo Rapporto di referenziazione delle qualifiche.