Visit the new FARNET 2014-2020 website

Pianificazione dell’attività di una rete nazionale per la pesca

Le reti nazionali (RN) svolgono un ruolo fondamentale nel creare contatti tra FLAG, parti interessate del settore della pesca, amministrazioni nazionali e regionali attive nello sviluppo locale dell’attività alieutica. La Rete nazionale lettone facilita lo scambio di esperienze e il reciproco apprendimento non solo tra FLAG, ma a livello dell’intero settore ittico.

Questo esempio CLLD è disponibile anche in:

  

 

In Lettonia, la Rete di cooperazione nazionale per il settore della pesca ha un ambito di intervento più ampio rispetto alla maggior parte delle RN. Il settore della pesca e dell’acquacoltura in Lettonia è molto frammentato e isolato e la rete riunisce tutte le parti interessate del settore e i sei FLAG del paese. La RN si propone principalmente di consolidare i legami tra gli operatori ittici, migliorare la comunicazione, promuovere buone pratiche e favorire lo sviluppo delle zone di pesca.

La Segreteria della RN ha sede presso il Centro di formazione e consulenza rurale lettone (l’ente che gestisce anche la Rete rurale nazionale). Le operazioni vengono decise in base ad un Piano di azione globale per il periodo 2015-2020 e ai Piani di lavoro annuali (PLA) che tengono conto delle necessità e delle proposte dei membri della rete. Tra le priorità della RN figurano:

- migliorare l’efficienza economica del settore della pesca, tramite attività quali l’organizzazione di seminari e visite di studio, sia in Lettonia sia all’estero, per rafforzare le capacità degli operatori del settore ittico e agevolare lo scambio di esperienze;

- sviluppare l’attività, compresi la diversificazione nelle zone costiere e lo sviluppo dell’acquacoltura nelle aree interne; la RN mette a disposizione il sostegno e la consulenza dei propri specialisti (un esperto in acquacoltura e dieci esperti in sviluppo delle zone costiere) e lavora con i giovani per l’avvio di progetti d’impresa nel settore ittico;

- promuovere la pesca e l’acquacoltura, ad esempio attraverso l’organizzazione di una conferenza annuale, la realizzazione di pubblicazioni e attività di potenziamento delle capacità ad uso di ONG ed enti statali che operano nel settore della pesca.

La RN è costantemente in contatto col settore alieutico e ne analizza i bisogni in modo continuativo (ad esempio inviando un questionario annuale a tutti i nominativi contenuti nella banca dati prima di elaborare i Piani di lavoro annuali). Sottopone i PLA all’Autorità di gestione per approvazione e presenta relazioni di monitoraggio trimestrali, realizzando inoltre attività di valutazione e autovalutazione.

  • Principali risultati: in sette anni di attività, la RN è riuscita a creare un clima di fiducia e proficue sinergie all’interno del settore ittico, tradizionalmente molto isolato, permettendo altresì agli operatori di acquisire nuove competenze ed esperienze. Grazie al coinvolgimento dei propri membri nel processo decisionale e all’assistenza fornita in modo personalizzato, la RN si è costruita una solida reputazione come partner affidabile e autorevole nello sviluppo delle zone costiere. Il sostegno fornito al settore ha permesso a questo ultimo di partecipare attivamente al dialogo sulle politiche di intervento.
  • Trasferibilità: la maggior parte delle Reti nazionali opera esclusivamente con i FLAG. L’esempio lettone mostra come una RN possa coinvolgere una gamma più ampia di soggetti del settore della pesca. Illustra altresì l’impegno e le risorse necessari alla costituzione di un sistema di questo tipo.
  • Principali insegnamenti: l’approccio partecipativo e il coinvolgimento di tutti i suoi membri nello sviluppo del settore della pesca hanno permesso alla RN di ottenere migliori risultati. Il processo si rivela oneroso in termini di tempo e richiede un contatto diretto e regolare con tutti i membri.

Risorse

Competenze: buona conoscenza del settore della pesca e dell’acquacoltura, buona padronanza delle tecniche di comunicazione e facilitazione

Risorse umane: 3 unità ETP per la gestione della Segreteria della RN e 10 esperti locali sul campo.

Risorse finanziarie: 2 500 000 EUR per la durata del FEAMP (500 000 EUR per la Segreteria della RN e 2 000 000 EUR per l’attuazione del piano). La Rete nazionale è finanziata a titolo dell’Assistenza tecnica prevista nell’ambito del FEAMP.


Sintesi e contatti

Durata: in corso

Data del caso di studio: novembre 2016

Organizzazione promotrice della metodologia: Rete nazionale

Edgars Linde
Edgars.Linde (at) llkc.lv
+371 29139027


Parole chiave: reti nazionali, potenziamento del settore della pesca, assistenza personalizzata.